Eventi

2022 Ottobre

Settimana 1

Lun 26
Mar 27
Mer 28
Gio 29
Ven 30
Sab 1
Dom 2
Lun 3
Mar 4
Mer 5
Gio 6
Ven 7
Sab 8
Dom 9
Lun 10
Mar 11
Mer 12
Gio 13
Ven 14
Sab 15
Dom 16
Lun 17
Mar 18
Mer 19
Gio 20
Ven 21
Sab 22
Dom 23
Lun 24
Mar 25
Mer 26
Gio 27
Ven 28
Sab 29
Dom 30
Lun 31
Mar 1
Mer 2
Gio 3
Ven 4
Sab 5
Dom 6
  • Nessun evento

  • Nessun evento

Comunicato Stampa

Napoli, lunedì 13 giugno, alle ore 11.15 presso la corte di Palazzo Fondi, conferenza stampa.

Al suo secondo anno, il progetto unisce, con un’azione coordinata in un periodo che va da giugno ad ottobre, le attività realizzate da numerosi operatori dello spettacolo: festival, rassegne, residenze artistiche, laboratori e progetti formativi, al fine di dare ad esse una continuità nel tempo interessando numerose località della regione.

Questo consente la realizzazione di un calendario di appuntamenti di oltre 500 recite che coinvolge più di 40 comuni delle cinque province della Campania.

Promosso dall’Unione AGIS Campania e dagli associati di ARTEC (per il teatro), di Sistema MeD (per la musica e la danza), di ANESV (per lo spettacolo viaggiante) “Campania è” – unico esempio nel nostro Paese di iniziativa culturale coordinata da un’associazione di categoria – si realizza attraverso l’utilizzo dei fondi ordinari destinati alle imprese dalla Regione Campania (con la Legge 6) e dal MIC – Ministero della Cultura (attraverso il FUS – Fondo Unico Spettacolo).

“L’iniziativa – sottolinea Luigi Grispello, Presidente Unione AGIS Campania –  dopo la prima edizione, che segnava il superamento della pandemia per un lento ritorno alla normalità, si consolida nella sua offerta culturale con una programmazione che, oltre al Capoluogo, amplia il suo ambito di intervento a tutte le provincie, includendo, ad esempio,  numerosi comuni del Cilento, dell’area del Miglio d’Oro e programmando interventi anche nelle aree periferiche, come nel caso di Scampia e Napoli Est”.

Oltre al presidente Grispello, alla presentazione intervengono Gabriella Stazio (Presidente Sistema MeD), Lello Serao (Presidente Artec), Diego Guida (Segretario regionale ANESV).

L’iniziativa, insieme al determinante contributo della Regione Campania, si avvarrà anche della collaborazione del Comune di Napoli attraverso la messa a disposizione di spazi per lo svolgimento delle attività.

“Impossibile descrivere in poche righe – aggiungono Gabriella Stazio e Lello Serao – le tante manifestazioni che accolgono, ad esempio, le produzioni dedicate ai ragazzi da decine di compagnie specializzate, da I Teatrini a Le Nuvole, Teatro Eidos, Solot, Compagnia degli Sbuffi, La Mansarda, Baracca dei Buffoni o le nuove proposte delle numerosissime compagnie professioniste di danza, da Borderline Danza, Artagarage, Interno 5 alla Compagnia Arabesque, Campania Danza, Balletto di Napoli, Akerusia Danza, Ivir Danza, La Dance e MartDance al giovanissimo Colletivo Funa, tutte operanti sul nostro territorio. Tuttavia, volendo fornire qualche nome, per meglio descrivere la portata del nostro progetto, sicuramente si potranno citare in questa seconda edizione le presenze, tra le tante,  di Peppe Servillo, Sergio Rubini, Isa Danieli, Ascanio Celestini, Iaia Forte, Javier Girotto,  Francesco Montanari, Roberto Latini, le Ebbanenis, Antonella Stefanucci ed Edoardo Sorgente, Lino Musella, Cristian De Sica, Franco Ricciardi, Sal Da Vinci, Biagio Izzo con Mario Porfito e Francesco Procopio, il soprano Naomi Rivieccio, i Talenti Vulcanici, la Cappella Neapolitana di Antonio Florio, l’ensemble Dissonanzen, il Progetto Sonora, l’Associazione Alessandro Scarlatti, le attività di formazione curate da Carlo Cerciello e Michele Monetta, fino al particolare allestimento de La Tempesta di Shakespeare che Rosario Sparno ambienta sul Monte Faito”.

Laddove previsto, il costo del biglietto sarà molto contenuto, variando da un minimo di 5 euro ad un massimo 20.  Prenotazioni e prevendite si effettuano direttamente presso i siti web delle varie strutture organizzatrici. Il calendario sarà costantemente aggiornato e disponibile sul sito ufficiale: www.lacampaniae.it 

CAMPANIA È nei Comuni di:
Acerra (NA), Afragola(NA), Amalfi (SA), Arzano (NA), Benevento, Calvanico (SA), Capaccio (SA), Capua (CE), Casagiove (CE), Caserta, Castellammare di Stabia (NA), Cerreto Sannita (BN), Eboli (SA),  Ercolano (NA), Gioi (SA), Grottaminarda (AV), Ischia (NA), Lacedonia (AV), Lustra  (SA), Massalubrense (NA), Moio della Civitella (SA), Napoli, Orria (SA), Paestum (SA), Pagani (SA), Paolisi (BN), Perito (SA), Piano di Sorrento (NA), Pollica (Sa), Portici (NA), Pozzuoli (NA), Prignano Cilento (SA), Ravello  (SA), Salento (SA), Salerno, San Giovanni a Piro (SA), San Lorenzello (BN), San Tammaro – Carditello (CE), Sant’ Agata dei Goti (BN), Sorrento (NA), Torre del Greco (NA), Vico Equense (NA).

CAMPANIA È, elenco delle Compagnie e delle Imprese partecipanti:
Akerusia Danza, Anonima Romanzi, Arabesque, Artgarage, Associazione Baracca Dei Buffoni, Associazione I Teatrini, Associazione Alessandro Scarlatti, Associazione Campania Danza, Associazione Dissonanzen, Associazione Flautisti Italiani, Associazione Interno 5, Associazione Jubilate Deo, Associazione Serghej Rachmaninov, Balletto Di Napoli, Borderlinedanza, Cappella Neapolitana, Casa del Contemporaneo, Collegium Philarmonicum, Collettivo Funa, Compagnia degli Sbuffi, Compagnia La Mansarda – Teatro dell’Orco, Compagnia Solot, Coop. Mutamenti, Ente Teatro Cronaca, Fondazione Pietà De’ Turchini, Icra Project, Itinerarte, Ivir Danza, La Bazzarra, La Dance, Magazzini di Fine Millennio, Mart Dance, Muricena Teatro, Nest-Napoli Est Teatro, Nts – Nuovo Teatro Sanità, Orchestra Filarmonica Campana, Piccola Città Teatro, Progetto Sonora, Skaramacay , Talenti Vulcanici, Teatri Associati di Napoli, Teatro Civico 14, Teatro Eidos, Teatro nel Baule, Teatro Pubblico Campano, Teatro Totò, Teatro Tram, Teatro Troisi, Vesuvioteatro, Zenit 2000.

LA CAMPANIA È: il progetto
Uno dei paradigmi emersi dall’emergenza ancora in corso è che non si può affrontare la società del rischio senza una società civile forte e organizzata. Per rispondere ai rischi sistemici che la sfida della contemporaneità impone, abbiamo bisogno di immaginare un nuovo patto di cura delle città e dei territori, fondato sulla collaborazione tra i vari attori delle comunità.

E’ a partire da queste riflessioni che le Associazioni di Categoria facenti capo all’AGIS regionale hanno immaginato di prefigurare una piattaforma che tenga insieme ciò che fino a ieri era diviso, vogliamo provare a dare senso compiuto alle sollecitazioni di unità e di sostenibilità che da più parti ci giungono e allora abbiamo pensato al progetto CAMPANIA è come a un contenitore unico in grado di dare una risposta ai lavoratori e a fare sistema per le imprese.

Una programmazione complessa e diversificata che unisce in un obiettivo comune l’azione di festival storici, rassegne, residenze artistiche, progetti formativi e proposte di spettacolo create ex novo per l’occasione, con un calendario fitto di appuntamenti di spettacolo che coinvolge più di 40 comuni delle cinque province della Campania con più di 500 eventi di spettacolo. CAMPANIA è dopo la prima edizione, che segnava il superamento della pandemia per un lento ritorno alla normalità, prova a consolidarsi con una programmazione che oltre a Napoli e Salerno, su cui insiste una cospicua fetta di programmazione, attiva iniziative a Caserta Vecchia, nel Cilento in comuni come Orria, Salento, Perito, Moio della Civitella, Gioi, Lustra e Paestum, su tutta l’area del Miglio d’Oro, su Bacoli, Pozzuoli, ma anche a Sant’Agata dei Goti,  Cerreto e San Lorenzello oltre a interventi sulle periferie di Napoli come Scampia e Napoli Est.

Quello che contraddistingue tutte queste iniziative è la volontà di fare sistema e la voglia di condividere. La novità per il 2022 è quello di dare a questa programmazione carattere di continuità trasformandola da occasionale in permanente, integrando, in una unica visione, le stagioni tradizionali e la programmazione estiva. Il carattere permanente potrebbe dare vita ad un sistema virtuoso di programmazione evitando anche dispersione economica e concentrazione di eventi in un solo periodo.

Le risorse su cui CAMPANIA è fa affidamento sono quelle che le imprese percepiscono attraverso la legge regionale 6/2007 e quelle derivanti dal contributo del MIC per i soggetti finanziati. Per cominciare una progettualità che abbia carattere permanente quest’anno possiamo contare in quota parte del finanziamento destinato ai progetti speciali della legge 6/2007 e da quota parte degli interventi speciali destinati alle Associazioni di Categoria. Siamo in attesa di definire accordi di collaborazione con il Comune di Napoli per ciò che concerne la programmazione di alcuni siti storici come Maschio Angioino e San Domenico Maggiore.